Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie: le disponibilità iniziali sono veramente poche, secondo te ci arrivo?

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie: le disponibilità iniziali sono veramente poche, secondo te ci arrivo?

Ogni anno quando ad agosto si viene a conoscenza dei “posti disponibili prima delle operazioni di organico di fatto”, arrivano tantissime richieste di chiarimenti sulla effettiva possibilità di riuscire ad ottenere utilizzazione o assegnazione su tipologie di posto “comune”, ovvero movimenti annuali riferiti alla specifica classe di concorso su cui si ha titolo a chiedere tali dispositivi. La realtà dei fatti è che risulta impossibile riuscire a prevedere il totale dei posti che poi sarà realmente disponibile per tali movimenti annuali poiché entrano in gioco una serie imprevedibile di variabili.

La necessaria precisazione per definire la questione è chiarire che il numero dei posti disponibili in fase iniziale è solo un dato di partenza, da cui non è possibile ottenere – in maniera preventiva e definitiva-  gli effettivi posti totali che si renderanno disponibili.

Infatti, gli Uffici scolastici provinciali, che si occupano di elaborare tali movimenti, al numero iniziale dei posti disponibili devono sommare:

  1. posti risultanti vacanti per aspettative e distacchi richiesti dai titolari a vario titolo,
  2.  posti su materia resi vacanti in conseguenza dell’ottenuto utilizzo su sostegno del titolare di quel posto,
  3. Posti liberatisi in provincia a seguito di movimenti annuali interprovinciali in uscita.

L’unico orientamento possibile fra tutte le variabili è il principio – in linea di massima-  che se le condizioni iniziali sono le medesime, se l’interpellante è già in assegnazione provvisoria per l’anno scolastico appena trascorso, quasi sicuramente sarà ottenuto il movimento richiesto anche per l’anno successivo.

Il ragionamento è analogo anche su tipologia di posto sostegno, per cui di solito non è necessaria una riflessione così particolareggiata. Infatti in tale caso, solitamente, il dato di partenza è un numero molto elevato di posti disponibili in fase iniziale; ciò è dovuto alla particolare modalità di gestire l’organico di sostegno per cui negli anni è reiterata la procedura di elargire un numero elevatissimo di posti in deroga!

Maria Letizia Pappalardo

Maria Letizia Pappalardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.