Rinnovo contratto scuola, risposta alle domande frequenti

Rinnovo contratto scuola, risposta alle domande frequenti

Con il rinnovo del contratto scuola, qual’è l’aumento medio degli stipendi che ci possiamo attendere?

L’aumento di stipendio lordo medio per l’intero comparto scuola dovrebbe essere pari a 98 euro. L’aumento medio per i docenti dovrebbe essere lievemente superiore (101 euro lordi). Si tratta di un incremento percentuale che supera il 4%.

Ci dobbiamo aspettare altro denaro oltre l’aumento dello stipendio?

I lavoratori della scuola riceveranno anche degli arretrati per i mesi lavorati dopo il primo gennaio del 2019. Per i lavoratori di ruolo della scuola si stima un importo degli arretrati medio superiore ai 2.300 euro lordi parla di oltre l Contratto consentirà la corresponsione di arretrati per 2.362,49 euro medi per tutto il personale della scuola (per i docenti l’ammontare è di 2.450 euro medi).

Quando riceverò gli arretrati?

L’impegno del governo è stato quello di erogare tutto entro la fine dell’anno. Non sono certo che verrà rispettato, in ogni caso è lecito aspettarsi che almeno una tranche degli arretrati venga pagata entro il mese di dicembre.

Come faccio a passare dagli importi lordi a quelli netti?

Dai valori che abbiamo indicato finora bisognerebbe togliere i contributi previdenziali e le imposte. Si tratta di togliere da 1/3 a circa la metà dei valori lordi per arrivare alle somme che verranno materialmente percepite dai lavoratori della scuola.

Cosa devo fare per percepire gli arretrati?

Gli arretrati verranno accreditati automaticamente a tutti i soggetti interessati. Bisogna controllare che su Noipa sia indicato l’Iban giusto.

Non devo fare nulla nemmeno se sono precario o pensionato?

Questo accredito automatico vale anche per i precari e i pensionati (ovviamente questi arretrati riguarderanno solo i pensionati che hanno lavorato nella scuola nel periodo interessato da questo rinnovo contrattuale).

L’aumento contrattuale potrebbe anche determinare un ricalcolo della pensione – comunque la differenza dovrebbe essere minima.

Roberto Bosio

Roberto Bosio