Maestra invita i bambini a togliersi le mascherine

Maestra invita i bambini a togliersi le mascherine
Maestra “no vax e no mask” diventa un caso (attenzione a quello che si scrive)

Il primo a parlare della storia credo sia stato il Gazzettino, seguito poi da gran parte dei mass media italiani.

Maestra negazionista

Una maestra di Treviso assunta con contratto Covid – e visto il suo profilo Facebook, direi che abbia ottenuto il post con una messa a disposizione -, in servizio da qualche settimana, avrebbe invitato i bambini ad abbassare la mascherina quando si trovava da sola in classe. In questo post non vi dirò come si chiama la donna – ma basterà una semplice ricerca su Google per sapere il suo nome.

La ricostruzione

Delle mosse della signora se ne erano già accorte le altre maestre della scuola, e per questo avrebbe già ricevuto un richiamo scritto. La situazione però è deflagrata quando i bambini hanno iniziato a raccontare quanto succedeva in classe ai genitori.

Secondo le ricostruzioni riportate da giornali e blog, la donna avrebbe detto che “Tanto di Covid muoiono solo i vecchi”, e “Io sono la maestra, dovete obbedire!”.

Ieri c’è stato anche un controllo della polizia locale – allertata dal sindaco – che non ha rilevato alcuna infrazione.

Attenzione alle bufale

Anch’io ho visitato il profilo Facebook della signora, e ho potuto rilevare il proliferare di tante news deliranti estratte da siti complottisti che infettano la rete con le loro Fake News.

Attenzione però anche alle bufale che provengono da altre fonti: non si può dare per certe le ricostruzioni pubblicate oggi. Si tratta del racconto di bambini filtrati prima dai genitori e poi dai giornalisti. E ci vuole attenzione anche nei giudizi e negli attacchi. Dal prefetto che accusa la preside, a Gian Antonio Stella che chiede una pena esemplare per la donna.

Nessuno si fa l’unica domanda seria: perché una signora che fino a ieri ha fatto altro può diventare maestra inviando qualche mail?

Vittorio Borgatta

Vittorio Borgatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *