Istanze on Line – Dichiarazione servizi e Richiesta Ricostruzione di Carriera – chiarimenti

Istanze on Line – Dichiarazione servizi e Richiesta Ricostruzione di Carriera – chiarimenti

Ci giungono in redazione segnalazioni da parte di docenti neo immessi in ruolo in riferimento alla richiesta fatta dalle segreterie che invita gli stessi docenti a procedere alla compilazione della dichiarazione dei servizi su istanze on line.

Tale applicativo è presente su istanze on line come da D.P.R. del 29 dicembre 1973, n. 1092, art. 145 Nota prot. AOODGRUF n. 17030 del 1 settembre 2017 emanata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Il Decreto recita:

  • Per facilitare il rispetto delle scadenze introdotte e il monitoraggio della domande inoltrate, il Gestore del sistema SIDI ha approntato un’apposita funzione (“Richiesta di Ricostruzione Carriera”), fruibile tramite il portale delle Istanze On Line, attraverso la quale ciascun docente potrà inoltrare la domanda di ricostruzione di carriera alla propria istituzione scolastica di titolarità o sede di incarico triennale entro il 31 dicembre 2017.
  • Inoltre, con un’altra apposita funzione del citato portale (“Dichiarazione Servizi”), il docente potrà inviare alla scuola di titolarità o sede di incarico triennale l’elenco dei servizi utili ai fini della ricostruzione, validando quelli già inseriti a sistema o inserendo quelli che eventualmente non vi risultano, quelli svolti presso istituzioni scolastiche non statali o presso altre Amministrazioni.

Pertato è palese che la dichiarazione dei servizi va compilata nel momento in cui i docenti che hanno superato l’anno di prova presenteranno domanda di Ricostruzione di carriera.

Tale richiesta, fatta in anticipo, non è prevista da nessuna norma, pertanto a nostro parere è infondata anche se legata solo all’acquisizione a fascicolo del curriculum del docente come previsto dall’art. 145 del DPR 1092/1973 (Testo Unico delle norme sul trattamento di quiescenza dei dipendenti civili e militari dello Stato) che stabilisce “Il dipendente statale, all’atto dell’assunzione in servizio è tenuto a dichiarare per iscritto tutti i servizi di ruolo e non di ruolo prestati in precedenza allo Stato, compreso il servizio militare o ad altri enti pubblici, nonché i periodi di studio e di pratica ed esercizio professionali di cui all’art. 13. La dichiarazione deve essere resa anche se negativa”. E precisa anche che “la documentazione relativa alle dichiarazioni di cui ai commi precedenti, ove non sia prodotta dall’interessato, è acquisita d’ufficio”.

Giuseppe de Tullio

Giuseppe de Tullio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.