Il riconoscimento dei 6 punti di ricongiungimento nella Graduatoria interna

Il riconoscimento dei 6 punti di ricongiungimento nella Graduatoria interna

A chi vengono riconosciti i sei punti per il ricongiungimento nella graduatoria interna?

Il CCNI per la mobilità chiarisce che “per il ricongiungimento al coniuge ovvero, nel caso di docenti senza coniuge o separati giudizialmente o consensualmente con atto omologato dal tribunale, per ricongiungimento ai genitori o ai figli” spettano 6 punti. C’è però da precisare questo punteggio viene riconosciuto solo se si lavora nel comune di residenza del familiare a cui ci si ricongiunge. La residenza del familiare inoltre deve essere in essere da almeno tre mesi dalla data di pubblicazione dell’ordinanza. Come precisa la nota 7 della tabella di valutazione per le graduatorie interne questo punteggio viene considerato come esigenze di “non allontanamento dalla scuola o dal comune“. La nota 6 della tabella di valutazione ribadisce “Tale punteggio spetta anche nel caso in cui nel comune di ricongiungimento non vi siano istituzioni scolastiche richiedibili (cioè che non comprendano l’insegnamento del richiedente) e lo stesso risulti viciniore alla sede di titolaritàQualora il comune di residenza del familiare non sia sede di organico il punteggio va attribuito per il comune sede dell’istituzione scolastica che abbia un plesso nel comune di residenza del familiare...Il punteggio così calcolato viene utilizzato anche nelle operazioni di trasferimento d’ufficio del soprannumerario.

E’ chiaro inoltre che il punteggio di ricongiungimento spetta sul comune di residenza del familiare, indipendentemente dalla residenza del docente. Il docente può essere residente nel comune A, ma il familiare a cui si ricongiunge si trova nel comune B, dove si trova anche la scuola di servizio. In questo caso il punteggio spetta comunque. Nel caso in cui nel comune di ricongiungimento non ci siano scuole, o pur essendoci non ci sia quell’insegnamento, il punteggio spetta nel comune viciniore.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *