Il lavoro da dipendente nel privato è compatibile con l’insegnamento?

Il lavoro da dipendente nel privato è compatibile con l’insegnamento?

L’art. 98 della Costituzione recita: “I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione”, quindi dovrebbe esserci assoluta incompatibilità con qualsiasi altro tipo di attività. In realtà con la “privatizzazione” del contratto scuola c’è stato un’allentamento delle incompatibilità, con numerose deroghe. Come riferimenti normativi ci sono il Testo Unico del Pubblico impiego Dlgs 165/2001 e il Dlgs 297/1994, In termini assoluti il lavoro da dipendente nel privato e l’insegnamento sono incompatibili, ma tale esclusività si attenua con il Part Time al 50%, vedi Art. 53 D. Lgs. 30.3.2001, n. 165 e L. 23.12.1996, n. 662, e in ultimo l’art. 16 della legge 183/2010. Infatti con un part time al 50% è regola la legittimità di attività extra, mentre è un’eccezione il diniego, resta comunque il caso di incompatibilità con un’altra amministrazione pubblica.

Quindi è possibile avere un rapporto di lavoro da dipendente nel privato purché ci si trovi in regime di part time al 50% che si cumula con un part time massimo al 50% da dipendente nel privato. Non è invece possibile cumulare due part time tra due impieghi pubblici. Resta scontato che, se pur compatibili il lavoro nel pubblico con quello nel privato, entrambi in regime di part time, l’attività svolta nel privato non deve collidere con gli interessi dell’amministrazione pubblica e il docente deve comunicare al dirigente il settore in cui opera nel privato.

Vito Carlo Castellana

Vito Carlo Castellana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *