Gratteri: docenti poveri sono considerati sfigati, colpa di governo ed enti locali che spendono soldi in sagre

Gratteri: docenti poveri sono considerati sfigati, colpa di governo ed enti locali che spendono soldi in sagre

Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro , è noto per le sue dure battaglie contro le mafie e la ‘ndrangheta. A Vibo Valentia è intervenuto sul mondo della scuola: “negli ultimi 40 anni i governi non hanno voluto investire nel campo dell’istruzione perché un popolo ignorante, che ride di fronte alle barzellette, è più malleabile rispetto ad uno istruito – gli insegnanti sono divenuti sempre più poveri e il fattore economico è importante in una società consumistica e a volte un ragazzo è portato a guardare più al cafone con i soldi che all’insegnante sfigato”

Lo sperpero delle risorse pubbliche

Gratteri ha anche commentato l’utilizzo delle risorse pubbliche : “è il risultato dello Stato che non investe: anziché spendere soldi per le sagre si potrebbero investire in corsi ed incontri destinati ai ragazzi e ai docenti”.

Il rinnovo di contratto

Ricordiamo che nel mese di marzo è partita la trattativa che potrebbe portare al rinnovo del contratto . Nelle trattative sono coinvolti tutti i sindacati rappresentativi. Secondo le prime stime, gli aumenti non dovrebbero andare oltre 55 euro netti al mese.

Francesco Pititto

Francesco Pititto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *