Esame di Maturità, solo orale anche in futuro?

Esame di Maturità, solo orale anche in futuro?

Entro il 31 maggio i quasi 490.000 maturandi dovranno consegnare lo scritto multidisciplinare che gli/le è stato/a assegnato/a dai consigli di classe. Sarà la base da cui partirà i colloqui che inizieranno dal 16 giugno.

Esame light

Secondo il ministro dell’istruzione Bianchi non si tratterebbe di un esame light: “Abbiamo predisposto tutto per un esame di maturità che sia tale: la novità rispetto allo scorso anno è che da marzo i Consigli di istituto, i prof e i loro ragazzi hanno discusso su dei temi che i ragazzi debbono svolgere avendo un mese di tempo e predisponendo un elaborato. Questa è la base dell’orale. Non è un orale che parte a caso ma parte da un lavoro fatto in un mese, discusso con la scuola. (…) Uno scritto pensato, ragionato, discusso. E’ importante sapere scrivere, altrimenti non si sa parlare”. Ricordiamo che nell’esame, oltre a discutere la “tesina”, il candidato dovrà rispondere a domande sulle diverse materie, oltre a discutere del percorso del Pcto e del percorso di educazione civica.

Il futuro dell’esame di Maturità

In questi giorni stanno circolando voci sul mantenimento di questa struttura anche per gli esami di Maturità per i prossimi anni – sfruttando le similitudini con con il “Grand Oral” del Baccalaureato francese. Sul tema ora arriva anche una prima cauta apertura del ministro dell’istruzione: “Ora vediamo come va l’esame. Poi faremo una valutazione”.

Roberto Bosio

Roberto Bosio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *