Concorso ordinario scuola secondaria, pubblicate le modifiche al Regolamento e al Bando

Concorso ordinario scuola secondaria, pubblicate le modifiche al Regolamento e al Bando

Il 5 gennaio sono stati pubblicati i decreti che modificano il regolamento ed il bando relativo al concorso ordinario per la scuola secondaria. Un passaggio necessario a seguito delle modifiche decise dal governo sull’iter dei concorsi pubblici. Come tutti voi saprete d’ora in poi i concorsi ordinari per la scuola saranno composti solo da una prova scritta e una orale.

La prova scritta

La prova scritta sarà composta da 50 quesiti, computer based, distinti per ciascuna classe di concorso e tipologia di posto, e si svolgerà nella regione in cui il candidato ha presentato la domanda di partecipazione. I quesiti verteranno sui programmi previsti dall’allegato A al decreto del Ministro dell’Istruzione 9 novembre 2021, n. 326.

Quaranta quesiti verteranno sulla classe di concorso per cui si concorrerà, cinque quesiti a risposta multipla sulla conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue e cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici. Per le classi di concorso che riguardano le lingue e culture straniere, la prova è svolta nella lingua oggetto di insegnamento.

La prova verrà superata da chi avrà preso un punteggio almeno di 70 punti su 100 – che si ottengono rispondendo correttamente a trentacinque domande. E ovviamente dovrà sostenere la prova orale.

La prova orale

La prova orale si svolgerà sulla base di una traccia che il candidato estrarrà “24 ore prima dell’orario programmato per la propria prova. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi” – secondo quanto stabilito dall’articolo 7, comma 2, del Decreto ministeriale 9 novembre 2021, n. 326.

Per la valutazione della prova orale la commissione avrà “a disposizione un massimo di 100 punti” e si riterrà “superata dai candidati che conseguono il punteggio minimo di 70 punti su 100”. Per alcune classi di concorso verrà prevista anche una prova pratica.

Graduatorie di merito

Il decreto si prevede che “la commissione giudicatrice, a seguito degli esiti della prova scritta, della prova orale e della valutazione dei titoli”, procederà alla compilazione delle graduatorie di merito regionali distinte per classi di concorso e tipologia di posto. Il punteggio finale è espresso in duecentocinquantesimi. Per le classi di concorso per le quali, in ragione dell’esiguo numero dei posti conferibili, è disposta l’aggregazione interregionale delle procedure, sono approvate graduatorie distinte per ciascuna regione. Ciascuna graduatoria comprende un numero di candidati non superiore ai contingenti assegnati a ciascuna procedura concorsuale”.

Aggiungiamo che finora, anche se il concorso scuola prevedeva una graduatoria solo per i vincitori – come in questo caso -, alla fine un provvedimento legislativo ha portato anche gli idonei ad essere inseriti nelle graduatorie di merito.

Modifiche al bando

Modifiche al regolamento

Roberto Bosio

Roberto Bosio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *