Che cos’è l’assistenza magistrale? Cosa fa?

Che cos’è l’assistenza magistrale? Cosa fa?
Che cos’è l’ENAM?

L’ENAM (Ente Nazionale di Assistenza Magistrale) è stato un ente pubblico italiano che è stato soppresso dal governo Berlusconi con la legge n. 122 del 30 luglio 2010. Le sue funzioni e i rapporti attivi e passivi sono passati all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Era un ente riservato agli insegnanti e ai direttori didattici delle scuole elementari e delle scuole materne statali (e nell’ENAM era precedentemente confluito l’Istituto nazionale per gli orfani dei maestri elementari e l’Istituto nazionale di assistenza magistrale).

Quali sono le sue risorse?

Le risorse dell’EX E.N.A.M. sono costituite quasi esclusivamente dalle quote che gli iscritti versano obbligatoriamente all’Ente. Sono pari allo 0,8% della loro retribuzione mensile (solo voce stipendio) e vengono trattenute direttamente dalle Direzioni Provinciali dei Servizi Vari del Tesoro. L’importo di tali quote, per un insegnante che si trova a metà carriera, si aggira intorno ad €10 al mese.

La trattenuta, è bene precisarlo, è solo per i docenti di scuola dell’infanzia e primaria mentre per i docenti degli altri ordini di scuola è stata abolita da una trentina d’anni. Non si può revocare questa trattenuta. Chi è in pensione non ha più trattenute in favore dell’ente, ma ha il diritto di fruire delle prestazioni che l’ente eroga.

Chi versa questi contributi?

Sono iscritti alla gestione EX ENAM:

  • gli insegnanti a tempo indeterminato di scuola statale dell’infanzia e primaria;
  • i docenti di religione cattolica assunti nei ruoli della scuola statale dell’infanzia e primaria;
  • i dirigenti scolastici provenienti dall’ex ruolo di direttori didattici;
  • i direttori dei servizi generali e amministrativi provenienti dalla legge 2 dicembre 1967, n. 1213.

Che servizi offre la gestione Ex-ENAM?

Questi sono i servizi offerti dall’Assistenza magistrale:

Contributo per spese sanitarie

La prestazione può riguardare le spese sanitare di un iscritto all’Assistenza magistrale e/o dai suoi familiari assistibili. Interventi estetici non sono compresi tra le spese rimborsabili. La Gestione Ex-ENAM paga una quota tra il 15 ed il 35% delle spese sanitarie a seconda dell’ISEE del nucleo familiare.

ISEE del nucleo
familiare di appartenenza del beneficiario della prestazione
Percentuale di contribuzione alle spese sanitarieSoglia minima di spesa sanitaria per l’accesso alla prestazione
ISEE fino a 8.000 euro35%750 euro
ISEE da 8.000,01 a 24.000 euro25%1.100 euro
ISEE da 24.000,01 a 32.000 euro20%1.500 euro
ISEE oltre 32.000 euro15%1.850 euro

Le spese per le quali si chiede il rimborso devono essere state sostenute nei 12 mesi precedenti la data di inoltro della domanda di assistenza sanitaria. E comunque deve essere passata almeno un anno dall’inoltro delle precedente domanda.

La domanda va presentata direttamente sul sito INPS grazie allo SPID, oppure per il tramite di un patronato.

Roberto Bosio

Roberto Bosio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *