Sicilia: niente scuola, né in presenza né in DAD, fino a mercoledì

Sicilia: niente scuola, né in presenza né in DAD, fino a mercoledì

In Sicilia si tornerà in classe giovedì 13 gennaio, è la decisione scaturita dalla riunione di oggi della task force regionale per la scuola, con la presenza dell’Assessore all’Istruzione e dei rappresentanti dei Sindacati, dell’ANCI, della consulta regionale degli studenti e dei Dirigenti Scolastici. Il Governo Regionale rinvierà, quindi, l’apertura delle scuole di tre giorni, durante i quali non si effettuerà nemmeno la DAD. Mercoledì 12 è prevista un’altra riunione della task force per tirare le somme e valutare in che modo andare avanti con le attività scolastiche.

L’Assessore Lagalla considera questo prolungamento come una “vacanza operosa”, in cui le scuole si organizzeranno al meglio per il rientro in classe degli alunni. Inoltre, si è soffermato sulla grande utilità della vaccinazione nell’arginare il propagarsi del Covid-19 e che da più parti arrivano richieste di posticipare l’ingresso degli alunni in presenza, ma che la normativa nazionale non consente ulteriori deroghe.

In questi tre giorni non si ricorrerà alla DAD perché il calendario scolastico prevede 200 giorni di lezione, mentre nel calendario scolastico siciliano ne sono già previsti ben 207, quindi non ci sarebbero problemi con 5 giorni in meno di lezione (7, 8, 10, 11 e 12 gennaio).

I Sindacati hanno evidenziato che un anno fa, al termine delle vacanze natalizie, le problematiche erano precisamente le stesse, quindi si mettono sempre più in evidenza le gravi carenze organizzative e strutturali della scuola siciliana nello specifico e italiana in generale. Inoltre i Sindacati considerano la DAD un surrogato insufficiente e inadeguato della didattica in presenza e che tuttavia con questi numeri la prudenza consiglia il rinvio di qualche giorno.

Armando Bayo

Armando Bayo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.