Scuole aperte d’estate, il progetto del ministro Bianchi

Scuole aperte d’estate, il progetto del ministro Bianchi

Il ministero dell’Istruzione sta lavorando ad un piano estate per le scuole che dovrebbe essere pronto dopo le vacanze di Pasqua.

L’anno scolastico finirà come previsto

Come è stato già detto, il presente anno scolastico non subirà cambiamenti: lo stop alle lezione dovrebbe avvenire per gran parte degli ordini di scuola – l’infanzia fa storia a sé – nella seconda settimana di giugno, come previsto dai singoli calendari regionali.

L’idea sarebbe quella di costruire una sorta di ponte verso il prossimo anno scolastico che dovrebbe portare a tenere aperte le scuole fino alla fine di luglio (forse anche ad una parte di agosto) per fare “attività di laboratorio e di socializzazione”, “creare una continuità nella vita dei ragazzi” e soprattutto per “il rafforzamento delle competenze” in vista del ritorno alla normalità – si spera.

Un piano nebuloso

I contorni del piano sembrano nebulosi – per non dire di peggio. La frequenza per gli studenti non sarebbe obbligatoria, non ci sarebbero voti o appelli. Le attività previste saranno decise da “ogni scuola nella sua autonomia”. L’idea prevalente è che i docenti dovrebbe partecipare su base volontaria, con pagamento a parte – ma di eventuali finanziamenti disponibili non si sa nulla.

C’è la possibilità che le scuole possano lavorare con associazioni di volontariato. Per i soldi si ricorrerebbe ai fondi “Pon” e qualche altro stanziamento ancora da stabilire. L’unica cosa che sappiamo è che queste attività sarebbero gratuite per le famiglie.

Corsi di recupero

E i recuperi degli apprendimenti? Si fanno riferimenti generici ad attività tra pari – quindi con studenti più grandi che dovrebbe aiutare quelli più piccoli. Ed infine ci dovrebbero essere anche i tradizionali corsi di recupero prima degli esami di “riparazione”. Mi dimenticavo infine di aggiungere che queste attività ponte dovrebbe iniziare dopo gli esami di Maturità…

Vittorio Borgatta

Vittorio Borgatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *