Ritorno alla DAD: i docenti devono andare a scuola?

Ritorno alla DAD: i docenti devono andare a scuola?

Con il ritorno alla DAD è certamente esclusa la presenza a scuola degli studenti, mentre per i professori, il discorso si fa più complesso.

La scelta spetta al Dirigente scolastico

Con la DAD i professori saranno a scuola o a casa? La scelta spetta al DS, come indica il CCNI sulla DDI – che hanno firmato solo CGIL, ANIEF e CISL – e la nota n. 1190 del 5 novembre: “La dirigenza scolastica, nel rispetto delle deliberazioni degli organi collegiali nell’ambito del Piano DDI, adotta, comunque, ogni disposizione organizzativa atta a creare le migliori condizioni per l’attuazione delle disposizioni normative a tutela della sicurezza e della salute della collettività, nonché per l’erogazione
della didattica in DDI, anche autorizzando l’attività non in presenza, e garantendo che la prestazione lavorativa sia comunque erogata” – Il DS deve solo darne informativa alle RSU.

Anche in zona rossa la situazione non cambia

Questa situazione non cambia se una scuola, o un docente si trova in zona rossa, perché, finora sono sempre stati possibili spostamenti comprovati da esigenze di lavoro, studio, salute – ovviamente in questi casi ci vuole l’autocertificazione.

Vittorio Borgatta

Vittorio Borgatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *