Ricostruzione di carriera, come recuperare gli anni non calcolati all’atto dell’immissione

Ricostruzione di carriera, come recuperare gli anni non calcolati all’atto dell’immissione

I docenti di ruolo spesso dimenticano di chiedere il recupero di alcuni anni di preruolo che sono congelasti a seguito del calcolo della ricostruzione di carriera che hanno avuto l’anno successivo all’immissione in ruolo.

Quali sono gli anni congelati

Ricordiamo che le regole per la ricostruzione di carriera sono cambiate quest’anno. Fino all’anno passato, i docenti con più di quattro anni di pre ruolo hanno, al momento della ricostruzione di carriera, hanno subito il congelamento di tre mesi per ogni anno successivo al quarto ai fini della progressione stipendiale.

Quando chiedere la revisione della ricostruzione di carriera

Si deve chiedere una seconda ricostruzione di carriera a partire dal compimento di un certo numero di anni di ruolo, si tratta del:

  • sedicesimo anno per i docenti laureati della scuola secondaria superiore;
  • diciottesimo anno per i DSGA, per i docenti della scuola di infanzia, primaria, personale educatico, personale insegnante della scuola secondaria di I grado, per i docenti diplomati della scuola secondaria di II grado;
  • ventesimo anno per il personale ATA.

Ricordiamo che si può anche sforare di un paio di anni per la presentazione di questa seconda revisione. Comunque vale il principio della prescrizione quinquennale, per cui si può sempre presentare domanda ma si rischia di perdere parte dei diritti acquisiti.

Vittorio Borgatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *