Percorsi abilitanti docenti, la figura dei tutor coordinatori

Percorsi abilitanti docenti, la figura dei tutor coordinatori

I percorsi abilitanti da 60 CFU prevedono lo svolgimento di un tirocinio per 20 CFU/CFA (1/4 sarà indiretto, ovvero i docenti dovranno discutere con il tutor coordinatore di quanto fatto a scuola). Ogni CFU si tradurrà in un impegno valutato in almeno 12 ore.

Il tutor coordinatore

Come avveniva già ai tempi delle SSIS, per il tirocinio svolge un ruolo centrale il tutor coordinatore, che deve:

  1. orientare e gestire i rapporti con i tutor nelle scuole, assegnando gli studenti dei percorsi abilitanti ai gruppi-classe e alle scuole, e ha la responsabilità del progetto di tirocinio dei singoli studenti;
  2. provvede alla formazione degli studenti, attraverso le attività di tirocinio indiretto e l’esame dei materiali di documentazione prodotti dagli studenti nelle attività di tirocinio, ai fini della costruzione dell’E-Portfolio;
  3. supervisionare e valutare le attività di tirocinio diretto e indiretto;
  4. supervisionare le relazioni finali delle attività svolte nei gruppi-classe.

I tutor coordinatori lavoreranno nei “centri multidisciplinari” – ovvero le università e le istituzioni AFAM che attiveranno i corsi – e usufruiranno di un esonero o semiesonero dall’insegnamento.

Durata dell’incarico

Il tutor coordinatore potrà svolgere questo incarico per 4 anni. Si potrà prorogare l’incarico per un anno e ci potrà essere un solo rinnovo, che non sia consecutivo al quadriennio precedente.

Decreto del ministero

Entro il 31 maggio di ciascun anno dovrebbe arrivare un decreto del ministero che fisserà il contingente dei tutor visto il numero di corsi aperti. Ci sarà un limite massimo di 1.588 unità di esoneri totali o di 3.176 unità di semiesoneri. Gli Uffici Scolastici Regionali procederanno poi a distribuire queste risorse tra sedi e classi di concorso.

Come verranno scelti questi tutor?

I centri multidisciplinari dovranno emettere dei bandi che ovviamente fisseranno i criteri con cui verranno selezionate queste figure. Si prevede anche di sostituire il personale in esonero o semiesonero con supplenze fino al termine delle attività didattiche. Per quest’anno si prevede la possibilità di far partire questo processo dal mese di gennaio, per cui i docenti tutor coordinatori verranno sostituiti da supplenti temporanei.

Vittorio Borgatta