Non è possibile utilizzare il docente di sostegno per le sostituzioni

Non è possibile utilizzare il docente di sostegno per le sostituzioni

di Guido Ferrari

Utilizzare il docente di sostegno per la sostituzione di colleghi assenti è una pratica estremamente lesiva dei diritti dell’alunno diversamente abile e della sua classe.

L’art.13 comma 6, della Legge 104/92, dice: “Gli insegnanti di sostegno assumono la contitolarità delle sezioni e delle classi in cui operano, partecipano alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti”.

Alla luce dei principi della Legge Quadro 104, considerando che l’Insegnante di sostegno è contitolare della classe in cui è inserito l’alunno portatore di handicap, non è quindi possibile che venga destinato a supplenze quando ha programmato attività di integrazione scolastica con l’alunno o con la classe, sia se in compresenza che da solo. A questo proposito citiamo la nota della Direzione Generale per la Puglia prot. 7938 dell’11 settembre 2008, ripresa dalle note dell’USP di Bari prot. 345 del 19 gennaio 2011 e prot. 76/1 del 4 maggio 2011. Giova anche ricordare la nota Miur n. 9839 del 08/11/2010 che chiarisce “sull’opportunità di non ricorrere alla sostituzione dei docenti assenti con personale in servizio su posti di sostegno, salvo casi eccezionali non altrimenti risolvibili”.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.