Mobilità docenti 2024/25, dal 26 febbraio al 16 marzo: le novità e tutti gli allegati

Mobilità docenti 2024/25, dal 26 febbraio al 16 marzo: le novità e tutti gli allegati

In attesa dell’ordinanza sulla mobilità anticipiamo alcune novità, che vedono meglio chiarite le situazioni dei vincoli che sono stati in parte attenuati.

L’art. 2 dell’articolo dell’accordo tra i sindacati (CGIL, CISL, GILDA, SNALS e ANIEF) sottoscritto in data 21 febbraio prevede importanti integrazioni. Nello specifico:

  1. Al comma 2 dell’art.2 del CCNI l’inciso “Ai sensi dell’art. 22, comma 4, lett. a1) del CCNL
    istruzione e ricerca del 19 aprile 2018” è soppresso; l’inciso “avendo espresso una richiesta puntuale
    di scuola” è sostituito dall’inciso “avendo espresso una richiesta puntuale di sede”
    .
  2. Dopo il comma 3 dell’art. 2 e dopo il comma 9 dell’art. 34 del CCNI sono aggiunti, rispettivamente,
    il comma 3-bis e il comma 9 bis, del seguente tenore letterale: “Ai sensi dell’art. 34, comma 8, del
    CCNL 18 gennaio 2024 è garantita a tutto il personale docente e DSGA la partecipazione alle
    procedure di mobilità purché rientrante nelle seguenti categorie:
    a) genitori di figlio di età inferiore a 12 anni; nel caso di genitori adottivi ed affidatari, qualunque
    sia l’età del minore, entro dodici anni dall’ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il
    raggiungimento della maggiore età.
    b) coloro che si trovano nelle condizioni di cui agli articoli 21 e 33, commi 3, 5 e 6, della legge 5
    febbraio 1992, n. 104;
    c) coloro che fruiscono dei riposi e permessi previsti dall’art.42 del decreto legislativo 151/2001 che
    rivestono la qualità di:
    1) coniuge, parte di un’unione civile o convivente di fatto, convivente di soggetto con
    disabilità grave;
    2) padre o madre anche adottivi o affidatari in caso di decesso, mancanza o in presenza di
    patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 1);
    3) uno dei figli conviventi in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti
    dei soggetti di cui al punto 2);
    4) uno dei fratelli o delle sorelle conviventi in caso di decesso, mancanza o in presenza di
    patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 3);
    5) parente o affine entro il terzo grado convivente in caso di decesso, mancanza o in presenza
    di patologie invalidanti dei soggetti di cui al punto 4).
    d) il coniuge o figlio di soggetto mutilato o invalido civile di cui all’art.2, commi 2 e 3, della legge
    30 marzo 1971, n.118.”

In sostanza secondo fonti sindacali la sostituzione della parola scuola al posto di sede, permette anche a chi ha avuto il trasferimento interprovinciale di poter presentare domanda di mobilità senza vincoli, qualora non abbia avuto trasferimento sulla preferenza sintetica. Sono inoltre garantite le possibilità di mobilità per i docenti beneficiari di assistenza 104, per i caregivers e per i genitori con figli di età inferiore ai 12 anni. Viene data inoltre la possibilità di produrre domanda di mobilità ai docenti neoimmessi in ruolo nel caso ricadano nelle deroghe.

GLI ALLEGATI UTILI PER LA DOMANDA DI MOBILITA’

ALLEGATO D SCUOLA INFANZIA

ALLEGATO F NEW PRIMARIA

ALLEGATO F

ALLEGATO F CONTINUITA’ LINGUA INGLESE PRIMARIA

ALLEGATO G DICHIARAZIONE DOCENTI BENEFICIARI DI DEROGHE

PLURIDICHIARAZIONE (Sostituisce dichiarazione personale, anagrafica, esigenze di famiglia, abilitazione specifica, titolo di sostegno, titoli posseduti)

ALLEGATO D SCUOLA PRIMARIA

ALLEGATO D SCUOLA DELL’INFANZIA

ALLEGATO D SCUOLA SECONDARIA

DICHIARAZIONE ATTIVITA’ SINDACALE

DICHIARAZIONE RESIDENZA ANAGRAFICA

DICHIARAZIONE ESIGENZE DI FAMIGLIA

DICHIARAZIONE POSSESSO ABILITAZIONE SPECIFICA

DICHIARAZIONE TITOLO DI SOSTEGNO

DICHIARAZIONE UTILIZZAZIONE IN ALTRA CLASSE DI CONCORSO

DICHIARAZIONE LEGGE 104

Guido Ferrari