MAD per l’a.s. 2022/23: ora è il momento di inviarle

MAD per l’a.s. 2022/23: ora è il momento di inviarle

Tramite la Messa a Disposizione, MAD, ci si propone presso le scuole e dando la propria disponibilità per eventuali supplenze. Ricordiamo che la MAD è una disponibilità informale, sebbene la Nota 28597 del 29 luglio 2022 fornisca alcune indicazioni in merito.

Gli istituti scolastici, una volta esaurite le graduatorie d’istituto e dopo aver consultato quelle delle scuole viciniori, possono ricorrere alle MAD per coprire le supplenze sulla disciplina e, molto spesso, data la carenza di specializzati, sui posti di sostegno.

Importante sapere che la supplenza tramite MAD dà punteggio solo se si è provvisti del titolo.

La nota per le supplenze stabilisce che: 

“ll dirigente scolastico conferisce la supplenza all’aspirante che ha manifestato la propria disponibilità e che non sia inserito in alcuna graduatoria della stessa o di altra provincia, individuandolo prioritariamente tra i docenti abilitati e i docenti specializzati; successivamente, tra coloro che hanno conseguito il titolo di studio previsto o, in ulteriore subordine, che lo stanno conseguendo. In ogni caso, le domande di messa disposizione rese in autocertificazione ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, devono contenere tutte le dichiarazioni necessarie per consentire la verifica puntuale dei suddetti requisiti da parte dei dirigenti scolastici, ivi compresi gli estremi del conseguimento del titolo di abilitazione e/o del titolo di specializzazione, nonché la dichiarazione esplicita dell’interessato di non essere inserito in alcuna graduatoria della stessa o di altra provincia. Gli eventuali contratti a tempo determinato stipulati
con aspiranti non inseriti in graduatoria e tramite le cd. MAD sono soggetti agli stessi vincoli e criteri previsti dall’ordinanza, ivi incluse le sanzioni previste dall’articolo 14 dell’OM 112/2022.”

C’è anche da precisare che negli anni passati, vista la carenza di docenti in alcune zone d’Italia si è permesso anche a chi era inserito in GPS di inviare MAD.

QUANDO INVIARE LA MAD?

Le MAD essendo, una candidatura informale, si possono inviare in qualsiasi periodo dell’anno, il suggerimento è però quello di inviarle proprio in questi giorni e fino al 31 Agosto. Molte scuole infatti, per evitare contenziosi o equivoci decidono, in piena autonomia, non essendoci una norma nazionale, di graduare le MAD, spesso fissano come ultima data di ricezione delle stesse il 31 agosto.

COME INVIARE LE MAD?

Ci sono molti siti specializzati che, a pagamento, inviano le mad al posto del docente, ma è possibile fare tutto da soli. Si può inviare la messa a disposizione direttamente alle scuole con una semplicissima mail, meglio se pec. Si possono inviare mad in tutte le scuole che si vuole senza limiti. Gli indirizzi e – mail delle scuole, sono facilmente individuabili, basta utilizzare il codice meccanografico della scuola e completare con @istruzione.it (mail ordinaria) oppure codicemeccanografico@pec.istruzione.it per l’indirizzo di posta certificata. Ci sono scuole che hanno creato appositi form sui loro siti internet e non accettano altra forma di candidatura, oppure attraverso la piattaforma argo.

Per reperire i codici meccanografici delle scuole basta consultare i “Bollettini Ufficiali a.s. 2022/23” dove si trova l’elenco di tutte le scuole e di tutti i plessi scolastici d’Italia.

Il Bollettino ufficiale è diviso per province e per ordine di scuole. Ovviamente la mail va inviata alla sede di segreteria della scuola e non ai plessi distaccati, accanto ai quali si trova la dicitura “associato all’istituto”.

Abbiamo preparato un modello di MAD in formato WORD, facilmente modificabile. Consigliamo sempre di inviare comunque un elenco dei titoli posseduti, per facilitare la scuola nella scelta.

MODULO MAD

Vito Carlo Castellana

Vito Carlo Castellana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *