La scuola pugliese in sciopero contro le ordinanze di Emiliano

La scuola pugliese in sciopero contro le ordinanze di Emiliano

In mattinata si è tenuta una conferenza stampa a Bari che ha coinvolto tutte le organizzazioni sindacali rappresentative (FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS, GILDA-Unams e ANIEF) e l’ANP unite nel rivendicare una posizione comune contro le ordinanze del presidente Emiliano. I sindacati hanno sottolineato che da mesi in Puglia la scuola è on demand, dove, come prevedono le ordinanze del presidente della regione, sono i genitori a decidere se optare per la didattica in presenza o per la DAD. I sindacati in particolare chiedono di rientrare a scuola in sicurezza e se le condizioni di sicurezza non ci sono, la politica si deve prendere la responsabilità di dirlo e non di tergiversare lanciando un tipo di didattica “supermarket”.

Il prof. Claudio Menga della FLC CGIL ha introdotto la conferenza stampa annunciando che è stato proclamato uno sciopero regionale della prima ora per il giorno 22 Febbraio, data non casuale perchè è quella successiva allo scadere dell’attuale ordinanza del presidente Emiliano. Il prof. Calienno (Cisl scuola) ha illustrato una lettera dei sindacati pugliesi indirizzata al presidente Draghi, in cui viene sottolineato il momento difficile che la scuola della regione sta attraversando. Durante la conferenza stampa tutti i sindacati hanno sottolineato la forte preoccupazione per la violazione sistematica dei diritti costituzionali alla salute e all’istruzione che in questi mesi sono stati sistematicamente violati. il prof. Vito Carlo Castellana della Gilda ha evidenziato come la pandemia abbia sostanzialmente amplificato i problemi atavici della scuola pugliese, che sono quelli di classi affollate, con ambienti non sempre adeguati e mezzi di trasporto carenti. Chiara De Bernardo dello Snals ha rimarcato il fatto che tutti gli impegni della regione sono stati mantenuti e ad oggi del piano sanitario previsto per la scuola non c’è traccia.

Guido Ferrari

Guido Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *