La Germania combatte il covid a scuola anche con l’aerazione

La Germania combatte il covid a scuola anche con l’aerazione

Oltre ad adottare le misure standard quali utilizzo di mascherine e distanziamento la Germania , al fine di tutelare l’intero personale scolastico e gli alunni , ha deciso di investire 400 per la ventilazione dei locali.

Secondo la cancelliera Angela Merkel la ventilazione costituisce un valido strumento di contenimento e prevenzione contro la diffusione del temibile virus covid 19.

Per la Germania la ventilazione costituisce una modalità di prevenzione da molti decenni. Secondo la Merkel :“Una regolare ventilazione d’impatto in tutti i locali privati e pubblici può ridurre notevolmente il pericolo di infezione”

Le scuole hanno da tempo adottato la pratica della costante aerazione . In nn recente incontro dei ministri dell’Istruzione dei 16 stati tedeschi è stato dedicato a come arieggiare un’aula. Cinque esperti hanno ribadito l’importanza di arieggiare le stanze ogni 15-20 minuti . Il ricambio d’aria durerà cinque minuti in primavera e in autunno e tre minuti in inverno.

Francesco Pititto

Francesco Pititto

2 pensieri su “La Germania combatte il covid a scuola anche con l’aerazione

  1. Sono una supplente e non comprendo due cose 1) comprendo che i ragazzi devono ritornare a scuola ma purtroppo se siamo in questa situazione non si dovrebbero fare andare fino a che non ci sia una certezza per loro di non essere a rischio contagio e non credo che a Gennaio la cosa sia migliorata. 2) un altra cosa sono la classe docente non comprendo per mancanza insegnanti o supplenti non si abbia passati al ruolo gli insegnanti precari con 15 anni di insegnamento obbligando loro di fare dei corsi di aggiornamento invece di attivare un concorso per l’abilitazione.
    Un altra cosa perché chi è supplente fino al 5 giugno non percepisce la tredicesima e chi è al 30 giugno si? Mi pare che qui ci sia un modo per evitare costi per coloro che fanno le supplenze e spesso siamo noi precari a dare un contributo non indifferente. Sarebbe opportuno pensare qualcosa di incentivo a chi fa il supplente facendo ore di macchina tutti giorni spostandosi da un paese all’altro. Certo qui la meritocrazia non esiste neanche in ambito scolastico e si preferisce spendere soldi per monopattino e banchi con le rotelle. Complimenti al supporto scolastico che date.

  2. nella nostra scuola le finestre sono tutte aperte, tutto il giorno
    altro che areazione 2/3 ore…
    e nonostante tutto ci sono alcuni alunni ed alcuni colleghi che vengono contagiati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *