Incompatibilità: un avvocato può essere insegnante di sostegno?

Incompatibilità: un avvocato può essere insegnante di sostegno?

La risposta a questa domanda sembra facile, ma non è così, perché la legge 31 dicembre 2012, n. 247- Nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense – ha portato dei cambiamenti significativi.

Quali sono le attività incompatibili con la professione di avvocato?

Secondo l’articolo 18 della legge sono incompatibili con la professione di avvocato “qualsiasi attività di lavoro subordinato anche se con orario di lavoro limitato”, con l’eccezione – secondo l’articolo 19 comma 1 – dell'”insegnamento o la ricerca in materie giuridiche nell’università, nelle scuole secondarie pubbliche o private parificate e nelle istituzioni ed enti di ricerca e sperimentazione pubblici” – secondo la legge questa attività è “compatibile con” “l’esercizio della professione di avvocato”.

Insegnante di materia o di sostegno?

A precisare il quadro è arrivata la Cassazione, a sezioni riunite, con la sentenza del 28.10.2015. n. 21949, che ha stabilito che l’eccezione non possa avere carattere estensivo, e quindi può riguardare solo chi insegna “materie giuridiche”, e non chi insegna materie diverse o è un insegnante di sostegno.

La sentenza chiarisce anche che, per gli avvocati iscritti all’albo prima dell’entrata in vigore della legge in questione, cioè in data anteriore al 2 febbraio 2013, continua da applicarsi la vecchia normativa: possono esercitare la professione forense anche se insegnano materie diverse da quelle giuridiche o sono insegnanti di sostegno.

Gli altri limiti dell’avvocato/insegnante

Ricordiamo che la professione forense, per chi è anche insegnante di scuola, deve tenere conto di un duplice divieto: l’avvocato in questa condizione non può assumere il patrocinio legale in controversie in cui è parte la pubblica amministrazione scolastica, e non può accettare incarichi conferiti dalla stessa pubblica amministrazione scolastica – vedere per questo l’articolo, comma 56-bis della legge 662/1996.

Roberto Bosio

Roberto Bosio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *