I Docenti della Scuola dell’Infanzia: “Figli di un Covid minore”

I Docenti della Scuola dell’Infanzia: “Figli di un Covid minore”

Prendi un docente dell’infanzia, forniscilo di una mascherina chirurgica e mettilo in una stanza con una media di 23 bambini di età compresa tra i 2 anni e mezzo e i 6 anni tutti rigorosamante senza mascherina e senza poter attuare nessuna forma di distanziamento.
Questo è quello che in linea di massima accade tutti i giorni, in tutte le scuole dell’infanzia.
E allora I docenti dell’infanzia sono supereroi o delle povere cavie?


La scuola è uno spazio, una comunità, una rete sociale in cui convergono numerose relazioni, in primis quelle famigliari in cui si concentrano potenziali contagi.

Andrea Crisanti, docente di microbiologia all’università di Padova e direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova, dice: “la maggior parte dei bambini sono prevalentemente asintomatici”.
E allora sarebbe opportuno fornire i docenti dell’infanzia non di mascherire chirurgiche che come sappiamo proteggono gli altri e non chi le indossa ma di mascherine denominate FFP2.
I dati dimostrano che la mancata dotazione di DPI adeguati costringe i lavoratori della scuola, nel caso specifico i docenti dell’infanzia, ad operare con un elevato rischio di esposizione al contagio.


In questi giorni si sta assistendo ad un aumento esponenziale di casi di docenti dell’infanzia positivi alla SARS-CoV-2, questo ha spinto gli stessi docenti ad attivarsi nel formulare le loro richieste in merito alla fornitura di adeguati DPI, a partire dalle mascherine FFP2, ai Dirigenti Scolastici le cui responsabilità e obblighi in rapporto alla sicurezza sul lavoro equivalgono a tutti gli effetti a quelli di un qualsiasi “datore di lavoro”, la cui definizione è data dall’art. 2 del D. Lgs. 81/08.
Il Dirigente Scolastico ha potere decisionale e di gestione delle risorse finanziarie per garantire la sicurezza nella propria scuola di competenza.

Per questi motivi ci si augura da parte dei Dirigenti Scolastici una maggiore attenzione nei confronti di quei docenti che ogni giorno rischiano e pagano sulla propria pelle gli errori di chi, a livello nazionale, regionale e comunale, ignorando la realtà dei fatti e mostrandosi incompetenti lasciano aperte le scuole dell’infanzia.

Davide Solieri

Davide Solieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *