Graduatorie GPS: vantaggi e svantaggi

Graduatorie GPS: vantaggi e svantaggi

Secondo il Ministero sono state presentate in totale, dagli oltre 753 mila aspiranti che hanno chiesto l’iscrizione nelle graduatorie, 1.938.928 domande (gli insegnanti potevano iscriversi per più classi di concorso).

La novità delle GPS ha destabilizzato non poco tutti i docenti precari non presenti in GAE, (perchè in realtà le GPS seguono le stesse regole delle GAE).

Vediamo nel dettaglio quali sono i vantaggi e gli svantaggi di queste nuove graduatorie.

VANTAGGI
Rispetto della graduatoria:
Gli incarichi annuali, su posto comune o su sostegno (compresi i posti in deroga), ovvero le supplenze al 30 giugno, 31 agosto o comunque entro il termine delle attività didattiche, che fino allo scorso anno residuavano dopo le operazioni da GAE, non saranno più assegnati dalle scuole secondo graduatorie di istituto, ma dall’ufficio scolastico di riferimento su base provinciale, questo criterio rende più regolare il conferimento di supplenza che non è più legato alla fortuna di avere tra le scuole scelte in domanda, quella dove è disponibile il posto, ma è legato solo ed esclusivamente alla posizione in graduatoria.
Maggior trasparenza:
Si potranno seguire le convocazioni da GPS per ogni classe di concorso sul sito dell’ufficio scolastico provinciale di riferimento, e questo garantisce una maggior trasparenza; spesso si è assistito ad episodi di docenti scavalcati da altri perchè non avevano ricevuto mail di convocazione, o a voluti ritardi nelle convocazioni.
Si allarga il numero delle possibilità:
Quanto detto prima determina un allargamento delle possibilità di avere un incarico che passa da 10 istituti, come nel caso dell’infanzia o primaria, a tutti gli istituti presenti nella provincia.


SVANTAGGI
L’unico svantaggio che questo determina è l’impossibilità da parte del docente di trovare posto vicino casa e quindi di dover scegliere una scuola che potrebbe essere anche ad oltre 80 km di distanza seppur nella stessa provincia.
Ma d’altronde questo non succede già con le GAE?

Giuseppe de Tullio

Giuseppe de Tullio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.