Gilda fuori dal coro: problemi per docenti infiniti. Criticità per posta istituzionale

Gilda fuori dal coro: problemi per docenti infiniti. Criticità per posta istituzionale

Il sindacato Gilda , che per anni si è contrapposto alle numerose riforme del mondo della scuola , attacca duramente sottolineando le numerose problematicità in cui si trovano ormai da tempo i precari della scuola. Non c’è pace per i docenti che in questa estate devono aver a che fare con il Ministero dell’Istruzione. Vediamo le criticità per la posta istituzionale.

In seguito ai numerosi problemi dovuti al malfunzionamento delle piattaforme per le domande di concorsi e GPS i docenti sono rimasti attaccati al computer per giorni interi . Conclusa la travagliata fase di inserimento nelle GPS molti docenti sono nuovamente in difficoltà. La causa? La modifica del sistema di posta istituzionale dell’ex Miur.

Le dichiarazioni sono del coordinatore della Gilda degli Insegnanti

Il timore dei tanti che partecipano alle procedure concorsuali ed alle altre attività gestite dalla piattaforma del ministero è di non ricevere più le comunicazioni dalle scuole o dagli uffici del Ministero dell’Istruzione, nella fase di passaggio tra la vecchia casella di posta nelle more dell’attivazione della procedura per ottenere la nuova casella di posta elettronica istituzionale (posta.istruzione.it)”.

“Queste problematiche si sommano a quelle incontrate nella gestione dei servizi on line del Ministero (concorsi, GPS, assegnazioni provvisorie, ecc.) con piattaforme che spesso non sono riuscite a sostenere la mole di dati in arrivo da parte degli utenti. I crash di sistema sono stati negli ultimi due mesi numerosi e hanno messo in difficoltà tutti coloro che volevano avvalersi in tempo reale dei servizi dell’Amministrazione”.

Nessuno mette in dubbio l’opportunità di una ristrutturazione del sistema informatico del Ministero, soprattutto per semplificare le procedure ed evitare la moltiplicazione di richieste di documenti già in possesso dell’Amministrazione, dell’INPS, dell’Agenzia delle Entrate, ecc., ma non si comprende perché ciò dovesse essere posto in essere proprio nell’estate del 2020 in emergenza COVID e, soprattutto, di fronte ad un enorme ingorgo di procedure attivate per concorsi, graduatorie, ecc.

E non è neppure piacevole che il Ministero dell’Istruzione, come altre amministrazioni, si appoggi su piattaforme e sistemi gestiti da privati, con costi che negli ultimi anni non sono stati leggeri. Nel caso della nuova posta istituzionale si tratta di Aruba che offrirebbe 500 Mb di archiviazione per utente e un cloud.

Da anni la Gilda degli Insegnanti chiede che l’Amministrazione del Ministero dell’Istruzione si doti di un proprio sistema informatico pubblico, fatto che sta diventando sempre più urgente di fronte all’emergenza COVID e alla proliferazione di corsi con didattica a distanza (gestiti di fatto su piattaforme private Google, Zoom, ecc.), anche con delicati problemi di privacy.

Sarebbe il momento di investire finalmente, in modo oculato, per il migliore funzionamento delle scuole e della didattica.

Francesco Pititto

Francesco Pititto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.