Esame di terza media: cosa dice l’Ordinanza in merito all’elaborato finale?

Esame di terza media: cosa dice l’Ordinanza in merito all’elaborato finale?

L’Ordinanza concernente gli esami di Stato nel primo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020 è stata oramai emanata. Visto il periodo di emergenza che sta vivendo il Paese, a differenza degli esami di maturità, il Ministero non ha previsto esami in presenza. La novità più interessante è certamente quella dell’elaborato finale che ogni singolo alunno dovrà presentare.

L’elaborato finale sarà realizzato da ogni alunno in base ad un argomento a lui assegnato dal Consiglio di Classe. Tale tematica, come dice il testo dell’Ordinanza, dovrà essere:

  1. individuata tenendo conto delle caratteristiche personali e dei livelli di competenza dei singoli alunni;
  2. consentire l’impiego di conoscenze, abilità e competenze acquisite sia nell’ambito del percorso di studi, sia in contesti di vita personale, in una logica trasversale di integrazione tra discipline.

Nell’Ordinanza si vuole, quindi, puntualizzare che la tematica assegnata dovrà essere coerente con le capacità dell’alunno e dovrà permettere allo stesso di utilizzare abilità e competenze acquisite a scuola ma anche nella sua vita personale, il tutto in un’ottica interdisciplinare, che tradotto vuol dire che l’elaborato dovrà abbracciare tutte le materie.

L’Ordinanza, inoltre, stabilisce che il prodotto dovrà essere originale (non copiato), coerente con la tematica assegnata e indica le modalità di realizzazione, che sono:

  • testo scritto;
  • presentazione anche multimediale;
  • mappa o insieme di mappe concettuali;
  • filmato;
  • produzione artistica, tecnico-pratica o strumentale;

Naturalmente, potrà anche essere un elaborato misto che prevede anche più di una delle modalità previste, sempre però con argomenti inerenti alla tematica assegnata.

Gli alunni dovranno consegnare l’elaborato al Consiglio di Classe prima della data prevista per la presentazione orale. La consegna dovrà avvenire in modalità telematica o, in alternativa con altre modalità concordate. Sembra quindi che si potrà consegnare anche brevi manu.

L’Ordinanza prevede, infatti, che ciascuno studente faccia una presentazione orale dell’elaborato di fronte al Consiglio di Classe in modalità telematica.

Per gli alunni disabili o con disturbi specifici dell’apprendimento, sia l’assegnazione dell’elaborato che la valutazione finale dovranno tenere conto del piano educativo individuale per i primi e del piano didattico personalizzato per i secondi.

L’elaborato finale sarà valutato dal Consiglio di Classe in base ad una griglia stilata dal Collegio dei Docenti con una valutazione in decimi. L’Ordinanza, infine, non stabilisce il peso che dovrà avere l’elaborato finale sulla valutazione del discente.

Armando Bayo

Armando Bayo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.