Dopo 20 giorni scatta la continuità didattica

Dopo 20 giorni scatta la continuità didattica

In questi giorni sono giunte segnalazioni a questa redazione di docenti che hanno avuto spostamenti di sede o cambiamenti di assegnazione delle cattedre. Si deve da subito precisare che per i docenti di ruolo o coloro che hanno incarico annuale fino al 30 giugno/31 agosto, dopo 20 giorni di lezione non possono più essere spostati di plesso e/o di classe. Il d.lgs. 297/94 all’art.455, comma 12, precisa quanto segue:” è fatto divieto di spostare personale titolare nelle dotazioni organiche aggiuntive, dopo il ventesimo giorno dall’inizio delle lezioni, dalla sede cui è stato assegnato”.

La ratio della norma è quella di garantire la continuità didattica agli studenti. Tale divieto è stato confermato con la circolare nr. 220 del 27 settembre 2000 che recita: “Si richiama, infine, l’attenzione sul divieto posto dalla normativa vigente allo spostamento del personale dopo il ventesimo giorno dall’inizio dell’attività didattica che, per l’anno scolastico in corso, con riferimento alle regioni che iniziano più tardi, è fissato per l’11 ottobre 2000. Tale divieto di spostamento è previsto per il personale destinatario delle procedure di utilizzazione e per il personale che all’atto dell’assunzione a tempo indeterminato si trovi già in servizio, sia con contratto a tempo indeterminato per lo stesso tipo di posto o altro tipo di posto nella stessa o in altra provincia, sia con contratto di durata annuale o sino al termine delle attività didattiche con trattamento economico intero.”

Guido Ferrari