Concorso ordinario secondaria 2023, se supero le prove ho diritto a dichiarare i 12 punti nella graduatoria interna?

Concorso ordinario secondaria 2023, se supero le prove ho diritto a dichiarare i 12 punti nella graduatoria interna?

Per mesi è stata utilizzata erroneamente l’espressione di Concorso straordinario, ma in realtà la procedura che riguarda la scuola secondaria (di primo e secondo grado) è un concorso ordinario. A fugare ogni dubbio è stato lo stesso ministero: nelle pagine dedicate sul sito del MIM è stato scritto chiaramente che si tratta di un concorso ordinario.

Cosa dice la tabella titoli relativa alla mobilità?

La tabella che stabilisce il punteggio per i titoli da indicare nella graduatoria interna e nella mobilità, è in genere sempre uguale – visto che il ministero copia e incolla quello che era stato scritto l’anno precedente. Sul punto che riguarda la procedura ordinaria c’è scritto che spettano 12 punti “per il superamento di un pubblico concorso ordinario per esami e titoli, per l’accesso al ruolo di appartenenza al momento della presentazione della domanda, o a ruoli di livello pari o superiore a quello di appartenenza”.

Il superamento di un pubblico concorso non è un’affermazioni univoca, ma si può senz’altro considerare come superato una procedura in cui ho ottenuto il voto di 21/30 nelle prove previste. Posso indicare una sola procedura, e deve riguardare un ordine di scuola che è almeno pari a quello in cui sto attualmente insegnando. Cosa significa? Che se ho superato un concorso per la scuola primaria, non potrò ottenere i 12 punti se ora lavoro nella scuola secondaria di primo o secondo grado.

Roberto Bosio