Concorso docenti, la riserva di posti del 15% spetta solo al servizio civile universale

Concorso docenti, la riserva di posti del 15% spetta solo al servizio civile universale

Una nota dell’USR Veneto cerca di fare chiarezza sulla riserva di posti per il servizio civile relativa al concorso docenti.

Premessa

Il decreto-legge 22 aprile 2023, n. 44, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2023, n. 74, ha previsto una riserva del 15% a favore di chi ha fatto il servizio civile universale. La misura è stata confermata nei bandi.

Il servizio civile universale

Ricordiamo che il servizio civile universale è stato istituito con il decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40. Sul tema si era già espresso il ministero con una FAQ sul proprio sito:

D: Ho prestato servizio civile come alternativa alla leva obbligatoria. Posso farlo valere, ai fini del riconoscimento della riserva dei posti, come “Servizio civile universale”? 
R: No. Il servizio civile alternativo alla leva obbligatoria non è assimilabile al servizio civile universale, in quanto quest’ultimo – istituito e disciplinato dal Decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 – ha carattere volontario ed è svolto dai soggetti di età compresa tra i 18 e 29 anni non compiuti. Tale servizio potrà essere dichiarato nell’apposita sezione allegando l’attestazione scaricabile dal sito del Dipartimento delle politiche giovanili.

Le note degli USR

Sulla scorta di quanto scritto dal ministero, stanno arrivando le note dei diversi USR sul tema. Oggi ci soffermiamo su uno di questi casi. L’USR Veneto ha chiesto l’invio ai suoi uffici dell’apposita dichiarazione
sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

Lo stesso ufficio ha anche scritto che: “Si evidenzia che il Servizio Civile Universale che costituisce titolo di riserva ai fini della presente procedura concorsuale è soltanto quello svolto successivamente all’entrata in vigore del Decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 che lo ha istituito”.

Nota USR Veneto

Roberto Bosio