Concorsi scuola, quanto guadagna un commissario?

Concorsi scuola, quanto guadagna un commissario?
Facciamo due conti per capire se conviene presentare la domanda come commissario per i concorsi

Lo scrivo subito chiaramente, chi vuole fare il commissario per i concorsi scuola deve accontentarsi di un compenso umiliante per il lavoro che dovrà fare – e non sa nemmeno quando verrà pagato.

Quanti soldi può guadagnare un commissario?

Secondo l’articolo 1 del DM del 31 agosto 2016, il compenso base lordo per i componenti della commissione è così ripartito:
– 502,00 euro per presidente di commissione
– 418,48  euro per gli altri componenti della commissione
– 371,84 euro per i segretari delle commissioni.
 
L’articolo 2 del DM prevede poi che i componenti delle commissioni percepiscano un compegno integrativo di un euro per candidato esaminato.

Quanti soldi resteranno in tasca agli insegnanti?

I compensi che avete letto sopra sono lordi, per cui da queste somme bisogna detrarre l’Irpef che saremo chiamati a pagare. Per la maggior parte degli insegnanti di ruolo – tutti quelli che guadagnano più di 28.000 euro l’anno – è pari al 38%.

Ciò significa che un commissario del concorso straordinario – che supponiamo debba esaminare 400 candidati – guadagnerà 418,48 + 400 = 818,48 euro lordi.

Sottraendo 311,02 euro di Irpef, la somma che si metterebbero in tasca i commissari sarebbe pari a poco più di 500 euro nette.

Una paga da schiavi

Una somma ridicola che prevede un compenso orario nell’ordine di 1- 1,5 euro l’ora. Giusto per fare un confronto: nella maggior parte degli articoli, si stima che gli immigrati irregolari sfruttati nelle campagne italiane ricevano una retribuzione di tre euro l’ora.

Vittorio Borgatta

Vittorio Borgatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.