Concorsi scuola, le proposte del ministero

Concorsi scuola, le proposte del ministero

Ieri pomeriggio si è svolto il previsto incontro tra sindacati rappresentativi e ministero nella persona del capo gabinetto del ministro Dott. Recinto. Come molti di voi sapranno la riunione riguardava la riforma del reclutamento del personale docente.

Concorsi scuola

Visto che il PNRR prevede l’assunzione di 70.000 docenti entro la fine del 2024, il ministero introdurre concorsi regolari con cadenza annuale acui dovrebbe aggiungersi una procedura transitoria dedicata ai precari storici. Entro marzo/aprile dovrebbe essere bandito un concorso dedicato ai docenti con tre anni di servizio ed in possesso dei 24 CFU.

Oltre a quanto scritto sopra ci sono da considerare le assunzioni che riguarderanno il sostegno. Il ministero stima di effettuare 27.000 assunzioni con una riedizione della procedura di cui
al comma 4 dell’articolo 59 del DL 73/21 (ovvero assunzioni da prima fascia GPS).

Le richieste dei sindacati

I sindacati hanno evidenziato che la semplice assunzione da concorso non risolve i problemi storici del precariato italiano nella scuola. Per questo sarebbe necessario avere un doppio canale di reclutamento con assunzioni da GPS prima fascia anche per i posti comuni – e non solo per il sostegno.

Oltre a questo hanno ricordato che i precari aspettano dal 2020 che venga realizzata la procedura concorsuale per la sola abilitazione. I docenti hanno pagato le relative tasse ma non hanno ancora avuto nulla. A breve sarà convocato un nnuovo incontro per continuare il confronto.

Roberto Bosio

Roberto Bosio