Azzolina: con laureandi SFP Italia non è paese di bamboccioni

Azzolina: con laureandi SFP Italia non è paese di bamboccioni

La ministra dell’istruzione Azzolina , intervenendo al programma In Onda della 7 , ha precisato il suo pensiero sui laureandi in Scienze della Formazione Primaria. Come noto , in seguito alle direttive che istituiscono le Graduatorie Provinciali , i laureandi in SFP potranno accettare le nomine per le supplenze. Queste le sue dichiarazioni:

“Prima lavoreranno i laureati in scienze della formazione primaria, poi i diplomati magistrale e poi ancora i laureandi in scienze della formazione primaria”.  “Attenzione, non dobbiamo fare disinformazione, non è proprio una novità questo, già accadeva prima. Non pensiamo che siano sistemati perché dobbiamo smetterla di dire che questo Paese è fatto da giovani bamboccioni perché non è vero. Ci sono tanti giovani preparati che hanno fatto un test per entrare nel corso di laurea e hanno già scelto a 18 anni di fare gli insegnanti e hanno anche svolto il tirocinio”.

Mi sono stufata di vedere i giovani trattati in modo sbagliato, in altri parti del mondo, come ad esempio in Oriente è normale dare fiducia ad un ragazzo di 26 anni, hai tanta voglia di fare. Se ci credi tantissimo e hai passione riesci, i giovani ce l’hanno, giusto dare a loro un’opportunità”.

Francesco Pititto

Francesco Pititto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.